ALLA DILETTA MODICA

Come Nazareth la città di Maria ti nascondi tra dolci colline, nella tua natural bellezza ti contieni, e ritrosa ti circondi di silenzio.

Contea gloriosa fosti ed or mite, nobile nel sentire e nel sembianze fedele ai tuoi avi e ai tuoi santi, pur semplice, pur umile, sei grande.

Secoli di vita, rinserri nel tuo grembo, il pianto dei tuoi figli, sola hai asciugato, tu riservati e forti li hai plasmati, gli hai dato un animo gentile come il tuo.

Nel cuore hai rinchiusa la tua storia e tu la leggi con discreti accenni mentre il mondo si agita e si affanna, tu, modesta ti occulti nel contegno.

Il fascino dei tuoi colli elevi al cielo, come offerta segreta al creatore, Egli, che solo sa gaudii e dolori, con Maria li accoglie come fiori.

O Madre Modica! O Madre delle Grazie! a Voi immolo affetti e sentimenti sull'altare invisibile del mio cuore come primizia di nuova stagione.
A. C.

Dintorni

Natura, barocco e mare

L'Agriturismo "Il Melograno" è il luogo di partenza ideale per visitare, a pochi chilometri di distanza, le città barocche di Modica, Ragusa Ibla, Scicli e Noto, i parchi archeologici di Cava d'Ispica e Camarina o per raggiungere le località costiere di Sampieri e Marina di Modica, ove è possibile usufruire dei servizi balneari offerti dai lidi convenzionati con l'agriturismo.

Modica
(20 km da Ragusa; 50.000 abitanti; c.a.p. 97010-97015; pref. tel. 0932) è tra le più pittoresche città della provincia e di tutta la Sicilia. E' situata nell'area meridionale dei Monti Iblei ed è divisa in due originali aree: Modica Alta, le cui costruzioni quasi scalano le rocce della montagna, e Modica Bassa, giù nella valle, dove un tempo scorrevano i due fiumi Ianni Mauro e Pozzo dei Pruni, poi ricoperti a causa delle numerosi alluvioni, e dove è ora situato il Corso Umberto, principali strada e sito storico della città... [continua]

Noto
In una regione in cui abbondano olivi e mandorli, Noto è un piccolo gioiello barocco arroccato su un altopiano che domina la valle dell'Asinaro, coperta di agrumi. La sua bellezza, così armoniosa da sembrare una finzione, la scena di un teatro, nasce da un fatto tragico: il terremoto del 1693, che in questa parte di Sicilia portò distruzione morte, ma diede impulso alla ricostruzione. Prima di allora la città sorgeva a 10 km di distanza. Di origini assai antiche, Noto diede i natali a Ducezio, che nel V sec. a.C. fece tremare i Greci per aver fatto insorgere contro di loro i Siculi... [continua]

Ragusa
La visita della città può cominciareLa visita della città può cominciare con la visita della Basilica di San Giorgio esempio imponente di barocco siciliano. Ultimata nel 1775 su disegno di Rosario Gagliardi, presenta una elaborata facciata divisa in tre parti da fasci di colonne e motivi decorativi tipici dell'epoca. La parte centrale, stretta e lunga, è conclusa da una cupola ottocentesca alta più di 40 metri e sorretta da 16 colonne binate. Nonostante i diversi elementi architettonici appartengano a epoche diverse - la scalinata e la cupola sono posteriori alla chiesa - l'insieme risulta straordinariamente armonioso. All'interno, nella navata centrale, troviamo 13 vetrate istoriate rappresentanti i martiri di S. Giorgio, dipinti di Vito D'Anna e, in Sacrestia, una bella pala di altare marmorea, notevoli sculture di scuola gaginesca e un ricco 'Tesoro del Santo'... [continua]

Scicli
(24 km da Ragusa; 25 255 abitanti; 106 m s.l.m.; CAP 97018; prefisso tel. 0932). Scicli è una elegante cittadina situata in una ampia vallata fra delle colline rocciose, alla confluenza di tre valloni: quello di S. Bartolomeo, quello di S. Maria La Nova e la fiumara di Modica. La veste settecentesca che caratterizza la città, è conseguenza dell'infausto terremoto del 1693, che sconvolse gran parte della Sicilia. I principi barocchi applicati nella ricostruzione e fondati sulla ricerca di spazi e di effetti illusionistici, ottenuti con la sapiente disposizione degli edifici, delle chiese e della pianta urbana, hanno creato quel piccolo gioiello barocco che è Scicli oggi... [continua]


Realizzazione: Studio Scivoletto